Scaip Warrior è solo uno dei tanti modelli usciti dagli omonimi stabilimenti di Parma. La Scaip s.r.l. ha concepito i propri trattori cingolati a metà degli anni ’90, dando origine a macchine concepite per massimizzare la produttività durante le operazioni con i lavori pesanti.

Ma facciamo un passo indietro: la società è fondata tra il 1958 e il 1960 a Parma, dove Franco Grassi avvia un’officina meccanica per riparazioni e revisioni di trattori cingolati: dozers, loaders e cingolati per l’agricoltura. Un decennio dopo, 1972, Scaip nistaura un rapporto con Saipem, per riparazione e revisione di diversi trattori e macchinari esclusivamente utilizzati nel pipeline industry.

SCAIP New Warrior STX

L’azienda matura esperienza in questo settore e la conoscenza completa delle macchine permette di sviluppare nel tempo nuovi prodotti interamente costruiti e progettati presso l’azienda parmense.

Non solo trattori

A oggi, il catalogo macchine e attrezzature della Scaip s.r.l. è piuttosto differenziato e tocca diversi settori: attrezzature per la costruzione di pipelines (condotte) on-shore, per il settore Oil&Gas e idrico, attrezzature personalizzate per il settore movimento terra, macchine speciali, e infine i trattori cingolati heavy duty Warrior STX per l’agricoltura e l’ambito boschivo e forestale.

Per il settore dell’industria Oil&Gas l’azienda produce macchine molto specifiche: oltre a posatubi, vagli autocaricanti, sollevatori pneumatici e macchine curvatubi, sono costruite cianfrinatrici, trattori per saldatura, accessori, carri speciali per il trasporto di carichi fino a 600 tonnellate.

SCAIP New Warrior STX

Warrior STX: quasi un mito

Lo Scaip Warrior STX è un trattore a trasmissione idrostatica per una gamma di modelli che partono da 150 CV e raggiungono i 333 CV. Diverse motorizzazioni, ma tutte emissionate Tier V, a 4 o 6 cilindri, con motori Volvo nel primo caso e Deutz nel secondo. Cingolatura in acciaio comune a tutti in grado di garantire buon trasferimento della potenza a terra, stabilità in pendenza e una trazione fuori dal comune.

I trattori Warrior si declinano in 5 modelli: STX-150, 180, 220, 250 e 350. I primi due modelli sono concepiti anche per un utilizzo in ambito forestale, predisposti con optional indispensabili per i lavori boschivi. La serie Scaip New Warrior è ora una macchina multifunzione, che può essere impiegata in agricoltura ma anche nel settore forestale e del movimento terra.

SCAIP New Warrior STX

La linea guida che contraddistingue queste macchine segue standard ben precisi: distribuzione del peso della macchina ottimizzato, con un baricentro basso e spostato molto in avanti, per avere un bilanciamento ottimale quando impiegato con attrezzi al posteriore, spesso pesanti e piuttosto gravosi sul posteriore dei trattori. Il galleggiamento della macchina è garantito da un’ampia area di contatto con il terreno, consentendo di avere bassi valori di pressione specifica al suolo: si parla di numeri che vanno da 0,33 per il modello 150 a 0,47 kg/cm2 per il più grosso STX 350.

Cingoli rigorosamente in acciaio

Anche nella congolatura gli Scaip Warrior STX si distinguono dai competitor. Rispetto a macchine con cingoli in gomma o rispetto ai tradizionali trattori a ruote, gli Scaip Warrior adottano cingoli in acciaio montati su carri cingolati oscillanti per permettere una buona aderenza del messo anche su suoli sconnessi o non livellati.

Su suolo fangoso il comportamento di traslazione sul terreno è ridotto rispetto agli pneumatici, comportando una maggiore aderenza in tutte le condizioni e non esclusivamente solo sulle superfici asciutte. Il cingolo in acciaio riduce i costi di manutenzione e sostituzione: Scaip punta sulla riduzione dei costi finali della macchina durante il suo arco di vita: con una cingolatura come sul New Warrior si possono raggiungere anche le diecimila ore di lavoro senza sostituzione, grazie alla scelta dei componenti e cingoli a tenuta lubrificata Long-Life.

SCAIP New Warrior STX

Trazione, sforzo controllato e gestione

Il sistema Full Speedtronic EVO equipaggia i trattori della serie Scaip New Warrior STX: l’operatore imposta la velocità di lavoro e la profondità di lavoro e tale sistema gestisce la potenza trasmessa ai cingoli senza intervento dell’operatore sul sollevatore idraulico.

Infatti, Full Speedtronic EVO, a seguito di un rallentamento del trattore, incrementa automaticamente la coppia trasmessa ai cingoli, superando così le fasi di maggiore sforzo. Gli operatori che hanno già utilizzato macchine cingolate sanno perfettamente che mantenere la direzione rettilinea necessita correzioni allo sterzo, generando così un carico disassato rispetto alla mezzeria del trattore. L’elettronica di controllo della trazione diminuisce le correzioni necessarie, migliorando il confort dell’operatore; lo sterzo è anche dotato della funzione di contro-rotazione in caso di manovre in spazi ristretti.
L’idrostatico vincente

Modello Motore Cilindri/Cilindrata (l) Potenza nominale (CV)

Press Spec suolo

(kg/cm2)

Peso complessivo (kg) Capacità soll. (kg)
STX 150    
 
VOLVO 4/5,0 143 0,33  8.000  8.500
STX 180    VOLVO 4/5,0  175  0,35  8.200 8.500
STX 220    DEUTZ  6/6,1 220  0,42 10.900  8.500
STX 250  DEUTZ  6/6,1  250  0,41  12.100  12.000
STX 350  DEUTZ  6/7,8  333  0,47  13.900  12.000

I nuovi modelli Warrior sono equipaggiati con trasmissione idrostatica con circuito idraulico chiuso a due pompe a pistoni assiali a portata variabile ognuna delle quali alimenta un motore idraulico calettato su riduttore epicicloidale, uno per ciascun carrello cingoli. Il circuito idraulico dei servizi è separato, per impianto e per olio, da quello della trasmissione.

L’elettronica di controllo CAN-BUS, che influisce e regola la trazione idrostatica, rende la macchina sensibile e facilmente gestibile come avanzamento rispetto a trasmissioni power-shift, che equipaggiano la grande maggioranza di questa tipologia di macchine. La presa CAN-BUS rileva i guasti e permette di calibrare i comandi del Warrior anche in post-vendita, a seconda del cliente e della tipologia di lavori da svolgere.

Prove effettuate dalla Scaip s.r.l. hanno mostrato che i trattori di questa nuova gamma arrivano a superare, senza attrezzi agganciati, pendenze fino al 55%, circa 30°. I consumi, grazie alla trasmissione idrostatica che non vincola le velocità a dei rapporti della trasmissione, sono piuttosto bassi poiché la macchina lavora in condizioni di coppia e potenza ottimali, permettendo di ridurre lo slittamento.

Due ranges di marcia: una prima velocità da 0 a 7 km/h e la seconda da 0 a 12. Il sollevatore posteriore a tre punti di cat 3 o 4 a seconda dei modelli è montato su una guida con barra oscillante incernierata vicino al baricentro della macchina. PDP meccanica a 1.000 giri di serie, con frizione idraulica multidisco a comando elettrico.

Cabina semplice ma tecnologica

Unita al telaio con supporti elastici, la cabina dello Scaip Warriors STX è ribaltabile lateralmente per garantire accesso al vano pompe e filtri idraulici. La cloche regolabile incorpora i comandi primari relativi alla trasmissione: il tasto per la selezione del range di marci e i 6 che consentono di variare il regime motore; due variano progressivamente la velocità e quattro lavorano a step fissi.

SCAIP New Warrior STX
SCAIP New Warrior STX
SCAIP New Warrior STX

La velocità può essere inoltre regolata tramite una leva manuale posta sulla destra del conducente e tramite acceleratore idraulico, a pedale. Integrato sul volante anche il comando dell’inversore. Sul bracciolo destro del sedile pneumatico si trova un ampio schermo LCD da 7” che informa l’operatore sullo stato della macchina e sulle sue varie regolazioni impostate.

Gli oli, idraulico e motore, sono sempre tenuti sotto controllo per pressione e temperatura direttamente in cabina, evitando così possibili surriscaldamenti nelle giornate più calde. In fase di ordinazione, il cliente può personalizzare la propria macchina scegliendo fra tutte le possibili attrezzature e tools abbinabili, oltre che far configurare la macchina con la sola barra di traino oscillante e meno distributori idraulici (4 al posto di 6 di serie).

Per Scaip risulta molto importante questa possibilità di realizzare i prodotti su richiesta con modifiche e soluzioni idonee alle esigenze degli agricoltori, un punto forza che non tutte le grandi aziende hanno.

Fotogallery: SCAIP New Warrior STX