Si chiama Sesam2 il trattore di John Deere che rappresenta uno step ulteriore nella direzione dell'agromeccanica elettrificata e robotizzata.

E se questo step lo compie John Deere c'è davvero da pensare che l'elettrificazione, a lungo termine, possa davvero subentrare parallelamente alla trazione motorizzata endotermicamente, anche in agricoltura.

John Deere Sesam 2

Ma cosa ha in più questo prototipo rispetto ai progetti precedenti di John Deere (Sesam 1) o di altri costruttori? Semplice. Il Sesam 2 di John Deere, il trattore riesce a coprire un’intera giornata di lavoro heavy duty in pieno campo. Ma non è tutto. Il Sesam 2 si può guidare da solo e l’autonomia è garantita da una maxi batteria da 1.000 kWh.

John Deere: da anni la ricerca per l'elettrificazione

Il Sesam 2 di John Deere è solo l'ultimo di tanti step in fatto di elettrificazione di trattori sviluppata dal "Cervo"; il so sviluppo è stato finanziato con fondi pubblici del programma tedesco GridCON 2

Ricordiamo che poco già di un anno fa era stato lanciato addirittura un prototipo di trattore elettrico dotato di cavo, sicuramente non sostenibile per la logistica operativa del pieno campo.

John Deere Sesam 2

Con Sesam2 i manager tedeschi di John Deere non hanno dubbi :

“La piena funzionalità di questa macchina agricola come trattore standard è stata testata con successo sul campo“.

Sesam 2: batterie da 1.000 kWh

Questo progetto è innovativo poichè nel settore non c’è ancora un vero e proprio trattore elettrico di alta potenza. Sul prototipo di John Deere grande merito va alla batteria:

“Abbiamo installato un modulo con una capacità totale di 1000 kWh. Così il trattore lavora per un’intera giornata senza ricarica, a seconda del caso d’uso. IL Sesam 2 riesce a lavorare senza limiti di tempo e di funzionamento“.

Ma l'energia del Sesam 2, e questa è l'altra grande novità, può essere messa a disposizione per l'attivazione delle canoniche attrezzature, ma soprattutto con l’offboarding fino a 1.000 kW per attivare e far funzionare anche altre macchine, come una sorta di sciame operativo in campo.

John Deere Sesam 2

Per le attività colturali la quota energia è ripartita al 50%: per la propulsione sono a disposizione 500 kW, un decisivo upgrade rispetto al Sesam 1 lanciato nel 2016 quando il pacco batteria si fermava a 130 kWh.

John Deere Sesam 2

 

Sparisce la cabina? Non proprio

Ma le sorprese del Sesam 2 non sono finite qui. In pochi minuti si aggancia la cabina per poter percorre anche le trasferte stradali, dove la guida autonoma nn è ancora possibile.

John Deere Sesam 2
John Deere Sesam 2

Il John Deere Sesam2 è un modulo compatto in grado di muoversi in modo autonomo, al contempo può agganciare e sganciare una cabina che, una volta arrivati all'appezzamento viene nuovamente sganciata ia bordo campo e fungere da ufficio remoto per il controllo dell'operatività del trattore robot.  In questo modo si amplia la possibilità di uso in più terreni e su più colture.

John Deere Sesam 2

John Deere: elettrificazione, una delle possibilità

John Deere con il progetto Sesam 2 conferma che l’elettrificazione e l’automazione sono già realtà portanti per il proseguo tecnologico del marchio in verde, come si evince dalle dichiarazioni ufficiali del costruttore:

“La rivoluzione elettrica dell’industria automobilistica e le normative sui veicoli a combustione, rendono l’elettrificazione delle macchine sempre più importante per i produttori di macchine agricole“. Chi non si adegua rischia di finire in cunetta.

Per le aziende agricole “un aspetto chiave di questa strategia è l’auto produzione e auto consumo dell’elettricità. Ciò rende gli agricoltori indipendenti dall’aumento dei prezzi del carburante“. 

Fotogallery: John Deere Sesam 2