EIMA International 2024: una partenza con il “turbo” grazie alle tante iscrizioni tra gli espositori.

In sole tre settimane le adesioni alla fiera balzano oltre quota mille, con già 300 aziende estere prenotate. Attesi una crescita del numero di espositori e il “sold out” dell’intero quartiere fieristico.

Parte in modo folgorante la 46ma edizione di EIMA International, la rassegna mondiale della meccanica agricola che si terrà dal 6 al 10 novembre 2024 e che ha avviato la fase organizzativa il 30 novembre scorso con l’apertura delle iscrizioni per le industrie espositrici.

In appena tre settimane - annuncia FederUnacoma, la federazione dei costruttori italiani che è da sempre l’organizzatore diretto della rassegna - sono state formalizzate oltre mille iscrizioni, delle quali circa 700 da parte di industrie italiane e circa 300 da parte di case costruttrici estere.

eima1

Con questo ritmo di adesioni – spiega l’Ufficio Eventi di FederUnacoma – è probabile che si possa in tempi brevi raggiungere e superare il numero di 1.530 espositori dell’edizione 2022, occupando in ogni ordine di posto i 140 mila metri quadrati netti (350 lordi) del quartiere fieristico bolognese.

Significativo il fatto – segnalato dall’Ufficio Eventi – che insieme alle conferme delle aziende che sono tradizionalmente presenti ad EIMA International sono pervenute numerose richieste da parte di aziende nuove, a riprova di un interesse crescente per la kermesse bolognese.       

A questa prima fase di prenotazioni farà seguito un attento lavoro di assegnazione degli spazi espositivi, suddivisi per settori merceologici – fa sapere l’Ufficio Eventi di FederUnacoma – con l’obiettivo di collocare nel modo migliore le industrie partecipanti e di garantire a ciascuna di esse la giusta visibilità.

Foto - Agrilevante: il report di OmiTrattore.it e Giulia Tonello

La rapidità con la quale le case costruttrici si stanno iscrivendo è un segno di grande fiducia verso questa rassegna – osserva la Presidente di FederUnacoma Mariateresa Maschio – ma è anche indicativa delle aspettative molto alte che il mondo agromeccanico nutre nei confronti dell’EIMA.

Abbiamo la responsabilità di offrire una rassegna di altissimo livello - sostiene la Presidente - sia per quanto riguarda i contenuti tecnici sia per quanto riguarda gli aspetti culturali e i riflessi politici, giacché questa manifestazione fieristica affronta le grandi sfide dell’agricoltura globale, in primo luogo quelle della sicurezza alimentare e della sostenibilità ambientale.

Fucina di strategie per il settore

EIMA International è un evento di grande richiamo per gli operatori economici, gli imprenditori agricoli e i tecnici della meccanizzazione agricola di ogni parte del mondo – spiega il Direttore Generale di FederUnacoma Simona Rapastella – ma è anche il luogo dove si delineano le strategie di sviluppo del settore e dove si imparano a conoscere i nuovi modelli di agricoltura e le trasformazioni che la robotica, l’elettronica avanzata e l’intelligenza artificiale stanno portando nella coltivazione dei campi.

Foto - Agrilevante: il report di OmiTrattore.it e Giulia Tonello