Trimble è digitalizzazione piena in agricoltura: dai sistemi di guida, al livellamento Gps, passando per la distribuzione del prodotto. Così la precisione può entrare in tutte le aziende. Con questa convinzione, Trimble ha programmato nel corso degli scorsi mesi webinar per diffondere il precision farming in Italia.

Trimble precision farming

Naturalmente non occorre essere precipitosi ma, come ha suggerito il professor Luigi Sartori, docente di meccanizzazione agricola e viticola ed afferente al dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali dell’Università di Padova, che ha preso anch’egli parte agli appuntamenti digitali, si può procedere per passi graduali.

Secondo Sartori, l’agricoltura di precisione, una volta introdotta in azienda, si traduce nel risparmio economico complessivo delle attività e in un minor impatto dell’agricoltura sull’ambiente. Grazie infatti a quell’insieme di tecnologie di cui è composta, riesce a dare vantaggi tangibili e immediati e, nel lungo periodo e in un’ottica globale, permetterà di vincere le sfide del futuro, ossia l’aumento della domanda di cibo a livello mondiale, la tracciabilità dei prodotti agroalimentari, l’ottimizzazione delle risorse.

 

Digitalizzazione step by step

Dello stesso avviso Matteo Zucchelli, responsabile commerciale di Trimble Italia, il quale ha introdotto il suo personale significato di agricoltura di precisione:

“Per me è lo stato attuale, basti pensare che oggi un agricoltore può sfamare 175 persone, fino a ieri a malapena sfamava la sua famiglia”.

Ma come districarsi tra satelliti, sensori, monitor, Isobus e mappe? Procedere per gradi per fare la scelta giusta, suggeriscono Sartori e Zucchelli, c’è solo una cosa da fare: procedere per gradi, esaminando la tecnologia in relazione alle proprie esigenze, in funzione della conformazione della propria azienda: non esiste una dotazione uguale per tutti, ma tutti possono partire da quello che è un elemento base del precision farming, da quello che durante i webinar è stato addirittura definito una commodity: i sistemi di guida:

“E’ bene partire dalla meccanizzazione di precisione”, ha spiegato Sartori. I sistemi di guida, il primo step I sistemi di guida presentati da Trimble possono essere adattati a tutte le macchine agricole e, anche, a tutte le imprese agricole, da quelle più piccole ai contoterzisti di grandi dimensioni. In pratica, essendo brand agnostic, non c’è discriminazione in termini di costruttore e nemmeno di modello. Così come anche l’età della macchina non rappresenta un limite: anche macchine vecchissime, possono diventare precise. Non ci sono nemmeno limiti in termini di orientamento culturale dell’azienda: tutte le colture sono pronte all’agricoltura di precisione".

 

Vantaggi non trascurabili

Ma quali sono i vantaggi dei sistemi di guida, anche di quelli più economici? Il primo riguarda l’operatore che, con le mani libere, si stanca meno e sta più attento a quello che sta facendo. Inoltre vi è un’ottimizzazione delle lavorazioni, dune quel maggiore capacità produttiva. Infine si può lavorare a velocità bassissime, fino a 0,07 km/h.

Dunque, come si è visto, l’agricoltura di precisione non passa per forza attraverso mappe e sensori, il primo step si può compiere facilmente montando un monitor sul proprio trattore. E se non dovesse bastare? La distribuzione del prodotto Come ha spiegato Sartori, il secondo passo è procedere con il controllo controllo della distribuzione, con il controllo automatico di sezione, con il controllo dei bordi e con il controllo delle sequenze. Ma, ha anche puntualizzato, l’agricoltura di precisione vera e propria è quella basata sulle mappe.

Trimble precision farming

Tali mappe, naturalmente, devono essere create e per crearle si necessita di tecnologia sofisticata. Occorre infatti una raccolta dei dati molto precisa basata sulla sensoristica, oppure sui droni.Anche in questo caso l’offerta di Trimble è piuttosto variegata, prevede sistemi per il controllo sezione e dosaggio, a cominciare da quelli utili a produrre le mappe VRA, quindi Field IQ, TVUR, Isobus e Field IQ Isobus e WeedSekker2.

 

Trimble: la sartorialità digitale

Il livellamento smart, non è per tutti Se si vuole fare un passo in più - soprattutto se si è una grossa azienda, ancora meglio un contotezista - vi è un altro grado di precisione ed è quella che coinvolge il livellamento. Ma non quello laser:  Trimble ha infatti presentato quello che ha definito il livellamento smart, basato cioè sul GPS. Un modo diverso per affrontare tematiche complesse come quella del livellamento e del drenaggio, una modalità di livellamento che comporta investimenti di una certa portata, sicuramentte non per tutti.

Trimble precision farming

In pratica, con questo sistema, Trimble offre l’opportunità di mettere in piedi veri e propri progetti basati sulla movimentazione della terra, sulla gestione delle acque, poiché permette rilievi puntuali, riporti, controlli e quant’altro di utile nella tecnica del livellamento. Forte infatti dell’esperienza maturata nel livellamento con tecnologia laser, Trimble si è spinta oltre, proponendo il GPS.

In questo caso, un ruolo centrale lo gioca il display, per esempio il TMX2050. Ma un cantiere per il livellamento GPS non si improvvisa e va attentamente progettato con degli esperti in materia. In ogni caso, fondamentale la stazione RTK (vedi box) la quale permette un alto livello di precisione. Quanto ai software per il livellamento, Trimble ne propone una serie, tra cui Farm Works Sub Surface, WM-Form Software e WM Survey II App.