Proteste trattori e agricoltori Berlino: sono insulti a Lindner.

I passi indietro parziali sullo stop ai sussidi agricoli non frenano la contestazione.

Il sussidio sul diesel agricolo, che esiste da più di 70 anni, verrà abolito entro il 2026, gradualmente in tre anni, e non verrà cancellato per risparmiare da quest’anno 500 milioni di euro.

L’esenzione dalla tassa automobilistica per i veicoli agricoli, trattori e rimorchi, da 500 milioni di euro, rimarrà in vigore e non sarà soppressa nel 2024 come previsto. Sono questi i passi indietro decisi dalla coalizione semaforo Spd-Verdi-Fdp per accogliere, in parte, le richieste degli agricoltori che manifestano da settimane contro le politiche governative.

Proteste trattori e agricoltori Berlino

Meno tagli alle sovvenzioni e la promessa di semplificazioni, liberalizzazioni e sburocratizzazioni in tempi rapidi non sono però bastati ieri a evitare che il discorso del ministro delle Finanze Christian Lindner, intervenuto alla manifestazione degli agricoltori a Berlino, venisse annullato dai fischi e clacson dei 10.000 agricoltori manifestanti registrati, 5.000 veicoli agricoli tra trattori e camion.

Non sarà l’ultima protesta

Proteste trattori e agricoltori Berlino

Claudia Gerster del gruppo Agricoltura rurale ha assicurato: «Se otterremo prezzi alla produzione equi,
condizioni quadro politiche affidabili e sicurezza di pianificazione, potremo anche fare a meno dei sussidi.

I problemi del settore agricolo in Germania vanno le sovvenzioni: il numero di aziende agricole è in calo da decenni. Secondo l’Ufficio federale di statistica Destatis, nel 2022 in Germania le aziende agricole erano 258.700 contro le oltre 300.000 nel 2010: in 12 anni, 40.000 agricoltori hanno chiuso i battenti.

Sono però aumentate di 5.000 unità le imprese agricole con più di 100 ettari di terreno dal 2010: a conferma della concentrazione aziendale in agricoltura. Le grandi aziende agricole tedesche hanno guadagnato l’anno scorso 208.350 euro (+57,3% rispetto al 2022), le piccole solo 36.400 euro (+15%) e le medie 79.870 (+30,6%) secondo l’associazione degli agricoltori (fonte Il Sole 24 Ore)

Proteste trattori e agricoltori Berlino

Lo scorso anno il profitto medio delle aziende agricole è stato di 115.400 euro, contro i poco meno di 82.000 nel 2022.

Con lo scoppio della guerra in Ucraina, i costi dei fertilizzanti e dell’energia sono aumentati come anche i prezzi dei prodotti alimentari: solo gli agricoltori con le spalle larghe sopravviveranno. Ed è questo al cuore delle manifestazioni.