Si chiama Cherye, ma è 100% siciliano il pomodorino ciliegino invernale di Syngenta che è in via di sviluppo nel Centro di Ricerca di Acate (RG). Lì proseguono, da parte di Syngenta, le attività di selezione varietale nell’ambito del programma di breeding dedicato alla valorizzazione dell’orticoltura italiana, simbolo del nostro Made in Italy.

Nella stazione sperimentale siciliana vengono testate varietà con caratteristiche agronomiche ed organolettiche in grado di mantenere elevati gli standard delle produzioni nazionali affinché possano essere riconosciute e apprezzate sia sul mercato nazionale, sia all'estero.

Syngenta crede nel ciliegino

Nella terra vocata al pomodoro ciliegino, Syngenta ha selezionato Cherye, varietà invernale destinata al segmento mainstream e 100% Made in Italy.

Ciliegino invernale Syngenta Cherye

Recentemente introdotta, Cherye ha riscosso consensi positivi e si conferma una varietà ampiamente apprezzata dai produttori di ciliegino che, grazie ad essa, hanno la garanzia di ottenere una produzione abbondante e di qualità. I risultati, inoltre, sono ottimizzati grazie alla sua facilità di coltivazione e ai ridotti costi di gestione.

Bello da vedere, il grappolo è uniforme ed elegante con frutti di color rosso vivace dal peso variabile tra i 18 ai 25 grammi, il rachide rimane verde intenso durante tutte le fasi della filiera e la pianta ha internodi corti e regolari.
Cherye risponde appieno alle esigenze di produttori, distribuzione e consumatori, grazie a un’eccellente shelf-life che ne mantiene intatte le caratteristiche visive e organolettiche lungo tutto il processo, rendendo accessibile a tutti un prodotto di qualità, caratterizzato da un buon sapore.

Un mix quali-quantitativo

Grazie al Cherye, Syngenta è riuscita a soddisfare con un unico prodotto sia le esigenze quantitative di produzione sia quelle qualitative, rispondendo alle richieste di un mercato in continua evoluzione.


“Cherye è solo l’ultima in linea temporale di una serie di introduzioni di successo e il programma di selezione varietale dedicato al mercato nazionale è in continuo sviluppo” dichiara Bruno Busin, Product Development Specialist di Syngenta.

“Proseguono infatti nella Stazione di Acate i test per selezionare le varietà migliori per il nostro clima e territorio e gli studi per abbinare il corretto portinnesto in funzione delle diverse condizioni di coltivazione. Grazie alla possibilità di testare i prodotti direttamente in Italia fin dalle prime fasi di selezione varietale, è possibile accelerare i tempi di introduzione e presto saranno introdotte nuove varietà che eleveranno notevolmente gli standard di mercato”.


Sarà possibile accedere alla Serra demo di Acate dal 21 febbraio al 30 Aprile per vedere e toccare con mano il Syngenta Cherye e le innovazioni che verranno introdotte e presentate nei prossimi mesi, inclusa la gamma portinnesti dedicata.