Keestrack e Goldoni. Servirà ancora un po' di tempo per vedere i frutti di un accordo che tutti sperano essere finalmente risolutivo per la salvezza e il rilancio di un marchio che non deve sparire dal mondo agromeccanico. Goldoni produce macchine agricole a Carpi dal 1927, ma già dal 2023 potrebbe produrre il primo trattore elettrico di serie italiano.

Keestrack-Goldoni

Non dimentichiamo che fino a meno di un anno fa lo stabilimento era oggetto di picchetti operai per scongiurare la chiusura, dopo il fallimento del progetto cinese di Lovol Heavy Industry che per ha tentato, invano, di far decollare il brand Arbos Group. A inizio 2021 la nuova ripartenza, con il marchio keestarck che intende rinnovare ed evolvere gli stabilimenti di Migliarina di Carpi nella direzione dei macchinari agricoli a emissioni zero.  

Keestrack-Goldoni

La produzione dei "tradizionali" è ripresa

Nel frattempo la produzione dei trattori e motocoltivatori Goldoni non si è fermata a causa del boom di richieste di macchine (viste le difficoltà di consegna dei trattori da parte dei principali competitor per via della crisi di chip e materie prime) che paradossalmente ha riattivato a pieno regime le linee produttive. E ora si lavora su più turni per stare dietro agli ordini che comprendono motocoltivatori e soprattutto gli specializzati di alta potenza, come il Q110 da 102 CV.

Keestrack-Goldoni
Keestrack-Goldoni

Il futuro? Precision farming ed elettrico

Tecnologia e innovazione sono le strade che vogliono (e devono) percorrere quelli di Keestarck-Goldoni, perchè il mantenere una linea di prodotto fatta di macchinari entry level e a buon mercato non paga più. Lo sanno bene quelli di Keestrak-Goldoni che proprio sull'innovazione hanno definito le basi del nuovo piano strategico di sviluppo del marchio.

Keestrack-Goldoni
Keestrack-Goldoni

Goldoni sta insomma cambiando pelle anche se i primi frutti del rinnovo arriveranno nel 2023, quando verranno lanciate le nuove cabine dotate di tutto il pool infotelematico per recepire il precision farming. Ma soprattutto sembra ci sia il pre-accordo per la realizzazione del primo trattore full electric, commissionato per conto di un'azienda meccanica elvetica. Attendiamo quindi di saperne di più, soprattutto rispetto alle caratteristiche tecniche delle nuove gamme con motorizzazione a emissioni zero

Fotogallery: Keestrack-Goldoni