Le trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV appartengono a quella categoria di attrezzature fondamentali nelle zone principalmente montuose in cui serve effettuare lavori di pulizia o bonifica di aree boschive o incolte. 

Nel mercato italiano queste macchine, seppur indispensabili, occupano una piccola porzione di vendite rispetto alle classiche trinciasarmenti, presenti in quasi tutte le aziende agricole.

Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV
Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV

Dove il trattore non arriva

Le Femac T9 REV e T15 REV però si distinguono da molte delle gamme presenti sul mercato. Parlando di trincia forestali, infatti, si riduce ulteriormente lo spettro se ci inoltriamo all’interno della categoria delle trincia idrauliche con applicazione su escavatore.

Questa tipologia di attrezzature risulta fondamentale in zone dove non è possibile operare in sicurezza con un normale trattore specializzato, ma non solo.

Pensiamo alla bonifica o alla semplice pulizia di rive molto ripide, in questi casi è l’unica soluzione possibile per poter operare in condizioni di sicurezza.

Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV
Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV

Ad Arezzo usano gli escavatori

Per trattare al meglio l’argomento, siamo stati ospiti presso la Cooperativa agricola Montemercole, situata ad Anghiari, una piccola realtà a 550 m s.l.m. in provincia di Arezzo, dove abbiamo visto al lavoro due trincia forestali Femac applicate a due escavatori. 

L’azienda, italiana, con sede a Trestina, in provincia di Perugia, è specializzata nella produzione di trincia e attrezzature per la manutenzione del verde. 

Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV
Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV

I modelli che abbiamo visto al lavoro sono la T9 REV e la T15 REV, abbinate rispettivamente ad un escavatore Hitachi da 85 quintali e ad un Komatsu da 138 quintali. Per la versione più piccola Femac dichiara un range di utilizzo per escavatori da è 25 a 120 quintali, mentre per la più grossa le dimensioni salgono da 100 a 250 quintali.

Enrico Rapini, titolare dell’azienda omonima ci racconta la sua esperienza:

Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV

 “Sono cliente Femac da diversi anni ormai, la mia azienda si occupa di ingegneria paesaggistica e bonifica di terreni abbandonati da riconvertire per uso agricolo. Ad oggi dispongo di 4 trincia idrauliche forestali, tutte accoppiate ad escavatori. Le due che vedete in azione quest’oggi sono le ultime arrivate; visti i riscontri positivi avuti negli scorsi anni con le altre trincia abbiamo deciso di rinnovare la fiducia a Femac, acquistando la T9 e la T15, entrambe reversibili. 

Questa caratteristica è possibile grazie alla cassa che è stata realizzata mantenendo una forma simmetrica e ciò le consente di lavorare in entrambi i sensi, un particolare molto importante, in quanto la trincia può rimanere sempre appoggiata al terreno, aumentando notevolmente la sicurezza, soprattutto nelle lavorazioni in terreni declivi come in questo caso; mantenendo un carico a terra costante si scongiurano i rischi di ribaltamento del mezzo e inoltre non abbiamo perdite di tempo per effettuare il ritorno a vuoto per poi andare e bonifica di terreni abbandonati da riconvertire per uso agricolo.

Ad oggi dispongo di 4 trincia idrauliche forestali, tutte accoppiate ad escavatori. Le due che vedete in azione quest’oggi sono le ultime arrivate; visti i riscontri positivi avuti negli scorsi anni con le altre trincia abbiamo deciso di rinnovare la fiducia a Femac, acquistando la T9 e la T15, entrambe reversibili. 

Questa caratteristica è possibile grazie alla cassa che è stata realizzata mantenendo una forma simmetrica e ciò le consente di lavorare in entrambi i sensi, un particolare molto importante, in quanto la trincia può rimanere sempre appoggiata al terreno, aumentando notevolmente la sicurezza, soprattutto nelle lavorazioni in terreni declivi come in questo caso; mantenendo un carico a terra costante si scongiurano i rischi di ribaltamento del mezzo e inoltre non abbiamo perdite di tempo per effettuare il ritorno a vuoto per poi andare a lavorare la passata successiva”.

Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV
Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV

Lavori grossolani o di fino

Il modello T9. che l'azienda sta usando, monta utensili a scomparsa, in base alle versioni può montarne da 10 fino a 30 e grazie ad essi la macchina può effettuare sia una lavorazione su arbusti e rami fino a 8-10 cm, sia un lavoro di fino per la pulizia finale.

Il rotore a forma elicoidale, ruotando sul proprio asse crea una depressione, che aspira al suo interno il materiale da trinciare.  

La T15 invece monta un tipo di utensile fisso particolare, ricavato dopo circa un anno di studio e progettazione, si tratta di un utensile dritto con punta a scalpello, in grado di trinciare piante con fusto fino a 25 cm e completare il lavoro di pulizia, senza lasciare residui di medie dimensioni che andrebbero lavorati nuovamente.

“Entrambe le macchine possono equipaggiarsi di uno o due sportelli idraulici, questo per regolare manualmente e proporzionalmente la quantità di materiale in ingresso, per evitare sovraccarichi e possibili intasamenti.

La T9 nella versione più grande raggiunge un ingombro di 125x80x60 cm, con una lunghezza di taglio pari a 105 cm ed un peso operativo di 490 Kg. Per utilizzarla necessita di un escavatore con una portata di olio pari a 60-90 l/min.

La T15 invece, nella versione più grossa ha un ingombro di 190x80x85, la lunghezza di taglio è di 160 cm ed il peso supera di poco i 1.000 Kg e per utilizzarla è necessaria una macchina operatrice che abbia una portata di olio da 125 a 160 l/min” aggiunge Enrico. 

Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV
Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV

Il giudizio finale dell'utilizzatore (Enrico Rapini)

"Sono rimasto, in definitiva e ancora una volta piacevolmente colpito dalle nuove trincia che ho acquistato, la professionalità e l’esperienza di Femac si sono riconfermate nuovamente. Una caratteristica interessante che voglio citare assolutamente è il sistema di ingrassaggio in continuo installato sulla T15 REV.

Si tratta di un contenitore contenente il grasso lubrificante che viene collegato all’ingrassatore posto sui cuscinetti del rotore, che vengono ingrassati in modo autonomo ogni 15 minuti oppure manualmente dall’operatore ogni qualvolta esso decida sia necessario. Grazie a questa possibilità, la vita dei cuscinetti si allunga notevolmente ed il rotore rimane silenzioso durante la rotazione". 

Fotogallery: Trincia idrauliche Femac T9 REV e T15 REV