Celli a EIMA International di Bologna presenterà due prototipi e tutta una serie di novità interessante il segmento delle attrezzature legate alla lavorazione del terreno. 

In particolare, allo stand Celli si potrà trovare in anteprima la nuova EV, fresatrice a spostamento laterale progettata per la lavorazione interfilare in vigneti e frutteti per trattori di potenze sempre più elevate (fino a 100 HP). Il prototipo che verrà presentato ad EIMA prende spunto da un modello conosciuto di Celli, la fresatrice fissa E, sulla quale sono state introdotte numerose novità e migliorie, come il sistema di attacco del castello e del martinetto idraulico per lo spostamento laterale della fresa, il tubo di grosso spessore del rotore e le protezioni laterali più ampie.

Tutto è pensato per garantire maggiore robustezza e prestazioni più elevate, oltre a rendere più agevole la manutenzione. Il modello in mostra ad EIMA sarà a spostamento idraulico con comando manuale, ma è prevista anche la realizzazione di una versione a spostamento automatico, con comando a tastatore meccanico.
 

Celli a Eima

IDRA: la trincia per la fienagione

la le novità di Celli non finiscono qui. Dopo l’anteprima “virtuale” ad EIMA Digital Preview, fa il suo debutto ufficiale anche IDRA, un nuovo progetto per la trinciatura di fienagione (paglia, stocchi di mais…), ma anche soia, erba, foglie di bietola e colture a “set aside”, che nasce dalle richieste dei mercati giapponese e italiano.

IDRA è progettata per trattori di media potenza (da 70 a 100 HP) che caratterizzano questi mercati, grazie ad alcune specifiche tecniche, come la bassa coppia richiesta allo spunto, per la quale i progettisti Celli hanno studiato appositamente trasmissione e rotore.

Inoltre, è dotata di controcoltelli superiori smontabili e sostituibili. IDRA si colloca, all’interno della gamma di trinciatrici Celli, fra il modello MIZAR, più leggero, e SCORPIO, più pesante a parità di larghezza; verrà realizzata in differenti larghezze di lavoro da 2 a 2,85 mt. IDRA sarà disponibile sul mercato in due versioni, fissa e spostabile, che utilizzano sempre lo stesso cofano, studiato appositamente per rendere la macchina maggiormente flessibile.

 

EVO P-F: migliore precisione e resistenza

 Nello stand di Celli ad EIMA sarà possibile vedere dal vivo anche EVO P-F, fresatrice pieghevole sviluppata per lavorare terreni di grandi estensioni con trattori fino a 450 HP, che ha già conquistato gli operatori australiani e neozelandesinelle prime prove in campo.

Celli a Eima

Rispetto alla Super Tiger 360 P (finora il modello più grande della gamma), EVO P-F si caratterizza per migliori prestazioni in termini di resistenza e precisione di lavorazione grazie alle numerose innovazioni introdotte a livello di geometrie e di struttura: dalla carpenteria ai castelli e ai telai, completamente riprogettati, fino all’impianto idraulico, totalmente rivisto, e ai nuovi perni della barra livellatrice.

L’impiego di materiali di ultima generazione, come Hardox (per i vomeri) e HDPE (polietilene ad alta densità) per le protezioni, conferisce maggiore resistenza all’usura e un minor attrito di lavorazione. Inoltre, EVO P-F può essere equipaggiata anche da baulatore, semplicemente sostituendolo ai rulli, consentendo così di effettuare differenti tipi di lavorazione con un’unica macchina.